Asili Nido, il progetto educativo e gli obiettivi da raggiungere


asili-nido,-il-progetto-educativo-e-gli-obiettivi-da-raggiungere

La legge n° 107/2015 introduce il concetto di "sistema integrato di educazione e d' istruzione" per tutti i bambini e le bambine da 0 a 6 anni, cambiando radicalmente il panorama italiano dei nidi d' infanzia. Il concetto cardine piú importante è che il nido esce dall' ottica meramente assistenziale e diventa un vero e proprio "sistema educativo".

Da qui, la necessità di rivedere i concetti e il "fare" educativo che identificano il servizio.
Il primo strumento "rivisitato" é il Piano Educativo che nello specifico é un documento redatto da tutto il gruppo educativo in cui si prefigura l'organizzazione globale, il pensiero e l'azione che guida la vita al nido.

Nel Piano Educativo (P. E.) sono pensati e organizzati:


- Gli inserimenti;
- Le riconferme dei vecchi utenti;
- Organizzazione dei gruppi di sezione;
- Organizzazione degli spazi ;
- I tempi;
- I momenti di routines;
- Rapporti con le famiglie;
- Il progetto educativo ;
- La salute e il benessere del bambino;
- Rapporti con le famiglie ;
- Verifica e valutazione del progetto educativo.


Il pensiero del legislatore che identifica il nido come un luogo con una funzione prettamente educativa, ha portato a cambiare anche il Progetto Educativo.
Il P. E. é una tipologia particolare di progetto, che prevede tutte le modalità di sviluppo di un processo educativo in un contesto specifico di apprendimento.

Un Piano educativo prevede il raggiungimento degli obiettivi predefiniti, attraverso le varie fasi di progettazione, ossia:
- L' osservazione;
- La rilevazione dei bisogni;
- Lo studio;
- La realizzazione del progetto.

Gli obiettivi formativi sono i risultati che il Gruppo Educativo desidera che ogni utente raggiunga nelle diverse aree di sviluppo, mediante l' applicazione dei progetti, nei tempi previsti. In linea con la normativa vigente, il Gruppo Educativo stila per ogni utente il PEI (Piano Educativo Individualizzato).

 

 

Contributo a cura di Loretta Santi, coordinatrice Nido Marino Centro